Agnelli in galera?

ipazia

Utente disorientante (ma anche disorientata)
:) :)

Gli avevo risposto la stessa cosa allora...
Lui mi aveva risposto "il pensiero consegue il sentire, ma la scelta della strada spetta solo e soltanto a te. E non è una scelta che si basa sulla fiducia in qualcuno che non sei tu".

Poi ho sperimentato cosa intendesse....ci è voluto tempo e il decidere di uscire dai percorsi su cui facevo affidamento.

Un abbraccio a te @omicron...comunque sia, è una strada solitaria quella dell'assenza.
Ma gli abbracci rincuorano. A volte. :)
 

ologramma

Utente di lunga data
a prescindere dal fatto che secondo il mio gusto le cose che hai elencato non sono le più buone...fin da bambina per farmele mangiare mi han dovuto obbligare, spesso senza successo visto che poi sputavo comunque ;)

Detto questo trovo molto ironica una festa come il natale da parte di una specie che costruisce campi di coltivazione intensivi per essere senzienti.

Che è cosa ben diversa dal cacciare ciò di cui si ha bisogno per sopravvivere.
O anche allevare.
In modo "domestico".

Ma, lo ribadisco...non è questo il discorso.

Il discorso che trovo ironicamente grottesco e ridicolo è il natale come festeggiamento, piuttosto che la pasqua, che festeggiano vita e redenzione. Mi fa veramente molto ridere l'ipocrisia con cui sono entrambe sostenute.
Fin da quando ero bambina la narrazione del "quanto siamo buoni" mi è parsa una farsa globale.

Ma mi rendo anche conto che sono in una minoranza con questa visione.

E, lo sappiamo, la realtà risponde alle necessità della maggioranza :)
Rispetto la tua idea ma non la condivido .
Ricorda che essere buoni è una prerogativa di vita almeno si spera , ma l'invidia, approfittarsi dei buoni o fare loro del male per alcuni non è il loro modo vivere.
Sarebbe bello che il mondo fosse un oasi di pace ma non è un così .
Per i cibi che non preferisci posso capire quando si è bambini ,non è che io mangiassi tutto, ma dopo vederlo sulla tavola e assaggiarlo si è capito che è un alimento come gli altri .
Del modo sbagliato come vengono uccisi ,posso indignarmi ma per alcuni animali il metodo può sembrare crudele ma l'esperienza di secoli è stata il il modo migliore di consumare tali carni. Sei vegana?
 

ologramma

Utente di lunga data
Che spiegazioni filosofiche vi date delle feste e di altro ,ma se non credete che festeggiare il Natale per voi sia un giorno come un altro , allora comportatevi come sempre ,mi spiegate allora festeggiare la domenica come un giorno di festa , dovreste lavorare sempre .
Mi direte ma un giorno di riposo ci vuole e quindi perché il periodo del natale ,pasqua ,compleanni o ferie siano giorni di riposo ma con un pensiero diverso dal lavoro?
Forse non so se mi sono espresso in un modo chiaro ma voi mettete in dubbio le cose che fanno bene alla vita .
 

ipazia

Utente disorientante (ma anche disorientata)
Rispetto la tua idea ma non la condivido .
Ricorda che essere buoni è una prerogativa di vita almeno si spera , ma l'invidia, approfittarsi dei buoni o fare loro del male per alcuni non è il loro modo vivere.
Sarebbe bello che il mondo fosse un oasi di pace ma non è un così .
Per i cibi che non preferisci posso capire quando si è bambini ,non è che io mangiassi tutto, ma dopo vederlo sulla tavola e assaggiarlo si è capito che è un alimento come gli altri .
Del modo sbagliato come vengono uccisi ,posso indignarmi ma per alcuni animali il metodo può sembrare crudele ma l'esperienza di secoli è stata il il modo migliore di consumare tali carni. Sei vegana?
La narrazione così recita. :)

In natura - e noi siamo parte della natura - non esistono concetti come bontà, cattiveria, invidia e crudeltà etc etc.
Ce li siamo inventati noi.

E con questi ci siamo convinti di poter descrivere noi stessi e il mondo.

Ed è l'altro motivo per cui mi fa molto ridere il natale e compagnia. Sono invenzioni rassicuratorie.
Ma comprendo, razionalmente, che siano necessarie ai più.


Che siamo una specie che coltiva altre specie in campi intensivi non è una idea. E' un fatto.
E riguarda sia l'allevamento sia l'agricoltura.
Vai a vederti le conseguenze di allevamenti e coltivazioni intensive e poi ne riparliamo, se lo desideri.

D'altro canto è di poco fa l'inizio della messa in discussione della superiorità del genere umano sugli altri esseri e la piena disponibilità del pianeta, fatto e pensato per l'esser umano stesso (anche questa una invenzione disconfermata scientificamente).

Quindi, tenendo conto che è piuttosto recente l'inizio della messa in discussione del paradigma per cui tutto è concesso e basta classificarlo in giusto o sbagliato, ci sta che sia ancora molto diffuso socialmente come riferimento culturale.

Io ho assaggiato...e il sapore mi disgusta. Fin da bambina.
Per non parlare della consistenza in bocca :sick::sick:

L'esperienza di secoli prevedeva il picchiare i bambini per renderli disciplinati...ma mi sembra che l'esperienza di secoli sia ad oggi disconfermata.

La cosa interessante dell'esperienza di secoli è innanzitutto la sua narrazione, in secondo luogo il fatto che è soprattutto composta da errori riconosciuti come tali quando non si poteva più negare il contrario e poi corretti.

Direi che sull'esperienza di secoli ci farei affidamento per evitare di fare e rifare gli stessi errori.

Come si dice "errare è umano, perseverare diabolico".

E no, non sono vegana. E neanche vegetariana.
Semplicemente la carne in bocca mi fa salire nel naso l'odore di cadavere. Se non è bene ben mascherato.
Ne hai mai annusato uno, di cadavere intendo?
 

ologramma

Utente di lunga data
Ipazia ci rinuncio se no non la finiamo mai, che posso dirti vivi con le tue convinzioni, spero siano seguite da molti ma non credo
ah buon Natale
 

ipazia

Utente disorientante (ma anche disorientata)
Che spiegazioni filosofiche vi date delle feste e di altro ,ma se non credete che festeggiare il Natale per voi sia un giorno come un altro , allora comportatevi come sempre ,mi spiegate allora festeggiare la domenica come un giorno di festa , dovreste lavorare sempre .
Mi direte ma un giorno di riposo ci vuole e quindi perché il periodo del natale ,pasqua ,compleanni o ferie siano giorni di riposo ma con un pensiero diverso dal lavoro?
Forse non so se mi sono espresso in un modo chiaro ma voi mettete in dubbio le cose che fanno bene alla vita .
A parte che anche il lavoro - con tutta la sequela di sfruttamento e abusi di cui è costellato, in particolare ad opera del più forte sul più debole come natura prevede - è una produzione umana.

Ma siccome l'uomo è sottoposto alle leggi della natura, tanto lui quanto le formiche alternano il fare con il riposare. Entrambe le attività funzionali alla sopravvivenza.

Fosse per me non lavorerei mai.
Non penso che il lavoro nobiliti l'uomo onestamente. Anzi...è interessante a riguardo il "discorso dello schiavo", si trova facile nell'internet.

Per lavoro intendo l'appartenenza alla struttura organizzativa incentrata sul lavoro della nostra società.
E non le attività che servono per sopravvivere.



E non metto in dubbio le cose che fanno bene alla vita.

Trovo però interessante, sommandola alla ipocrisia di cui dicevo prima, il fatto che una festa che parlerebbe di rispetto si imponga a chi non la ritiene tale tramite chi la festeggia. Ironico, no?

Festeggio il natale per festeggiare la bontà e l'accettazione della Vita, ma...se non lo festeggi sei qualcuno che rovina il natale. E, cosa veramente grave per un essere sociale come l'essere umano, sei escluso dall'appartenenza. Trovo ironico che la festa dell'accettazione e della bontà si svolga in questo modo ;)
 

ipazia

Utente disorientante (ma anche disorientata)
Ipazia ci rinuncio se no non la finiamo mai, che posso dirti vivi con le tue convinzioni, spero siano seguite da molti ma non credo
ah buon Natale
No, lo dicevo prima.
Io sono una minoranza.

La maggioranza è unanime!
Vai sereno. Non sei solo :)
 

ologramma

Utente di lunga data

omicron

Irritante puntigliosa spaccacoglioni e pigra
io più che altro faccio fatica a farmi andare bene che una festa che dovrebbe essere religiosa e quindi introspettiva, intima, anche umile, visto che si parla di un bambino nato in una grotta, sia diventata un tripudio di consumismo e materialismo
Ma nascosto dall’ipocritissimo “siamo tutti più buoni” e per celebrare la “povertà” si spende un rene
Poi che tutto vada a favore dell’economia è un altro discorso
 

ologramma

Utente di lunga data
Tu cosa pensi che sia vivere male?

Cosa vuol dire isolarsi?
Che se la maggior parte vive come ha te non piace ,che vuoi che pensano quando parli così? E di conseguenza come si viene accolti dagli altri ? Ti fa no sentire accolta?
 

ipazia

Utente disorientante (ma anche disorientata)
Che se la maggior parte vive come ha te non piace ,che vuoi che pensano quando parli così? E di conseguenza come si viene accolti dagli altri ? Ti fa no sentire accolta?
Quindi dici che per esser accolti bisogna professare le stesse credenze?

E' interessante, non trovi, nell'epoca che professa come nuova fede l'integrazione e l'inclusione del diverso ;):D

ma un bel 'chi cazzo se ne frega?'. Intendo, riferito a quello che pensano/vedono/accolgono "gli altri"
A me incuriosisce molto.

Che poi mi tocchi ad un livello diverso, no.

Io non sono interessata ad essere accolta da chi non ho il desiderio di accogliere e che soprattutto non riconosco come desiderabile di vicinanza. Arrivo sempre ad una tolleranza dei sorrisi che scoprono i denti e nulla più :)

io più che altro faccio fatica a farmi andare bene che una festa che dovrebbe essere religiosa e quindi introspettiva, intima, anche umile, visto che si parla di un bambino nato in una grotta, sia diventata un tripudio di consumismo e materialismo
Ma nascosto dall’ipocritissimo “siamo tutti più buoni” e per celebrare la “povertà” si spende un rene
Poi che tutto vada a favore dell’economia è un altro discorso
Sai che penso che celebrare la povertà senza avere idea di cosa sia la ricchezza...sia veramente difficile.

Il consumismo e soprattutto l'ingordigia si fondano su questo.

Poi, dalle prime battute di caccia al mammut, siamo caratterizzati dall'ingordigia.
E dal piacere di uccidere.

Siamo specialisti, storicamente ed evolutivamente, nell'uccidere e nell'accumulare.
Non appena abbiamo smesso di essere prede e abbiamo imparato ad organizzarci per cacciare (e pensa alla caccia la mammut cosa comportava in termini di organizzazione, era una cosa immensa) abbiamo iniziato ad uccidere tutto quello che ci si proponeva intorno.
 

omicron

Irritante puntigliosa spaccacoglioni e pigra
Sai che penso che celebrare la povertà senza avere idea di cosa sia la ricchezza...sia veramente difficile.

Il consumismo e soprattutto l'ingordigia si fondano su questo.

Poi, dalle prime battute di caccia al mammut, siamo caratterizzati dall'ingordigia.
E dal piacere di uccidere.

Siamo specialisti, storicamente ed evolutivamente, nell'uccidere e nell'accumulare.
Non appena abbiamo smesso di essere prede e abbiamo imparato ad organizzarci per cacciare (e pensa alla caccia la mammut cosa comportava in termini di organizzazione, era una cosa immensa) abbiamo iniziato ad uccidere tutto quello che ci si proponeva intorno.
in teoria la caccia al mammut è molto precedente al natale e a tutti i buoni propositi del cristianesimo
 

ologramma

Utente di lunga data
ma un bel 'chi cazzo se ne frega?'. Intendo, riferito a quello che pensano/vedono/accolgono "gli altri"
bravo ,ma per esperienza di aver visto come trattano chi non è dei loro me lo fa dire , ma non è che a me frega molto di più di te , volevo solo dire come si comporta la gente che non ti apprezza , non è il mio pensiero ma una costatazione , quindi anche a me non me ne frega un cazzo di chi non la pensa come me non lo calcolo ; va be così ?
tanto per parlare di cose senza importanza , vivo e penso di vivere bene senza tutte ste parole senza un perchè
 

perplesso

Administrator
Staff Forum
A me incuriosisce molto.

Che poi mi tocchi ad un livello diverso, no.

Io non sono interessata ad essere accolta da chi non ho il desiderio di accogliere e che soprattutto non riconosco come desiderabile di vicinanza. Arrivo sempre ad una tolleranza dei sorrisi che scoprono i denti e nulla più :)
tipo sposa di Dracula, immagino
 

ipazia

Utente disorientante (ma anche disorientata)
tipo sposa di Dracula, immagino
:D:D

quando ero più reattiva era una questione che trattavo suppergiù così


Oggi ho semplicemente compreso che se non si mettesse in discussione il natale non potrebbe essere festeggiato. E quindi agisco la mia bontà. :)
Non può esistere la norma senza la devianza.

E tutto sommato mi divertono le credenze: il natale, non mangiare maiale, coprirsi, scoprirsi, monogamia, poligamia etc etc.
Sono interessanti espressioni di tentativi di costruzione della realtà, tutti incompleti tutti irrealizzati.
Mi piacciono le manifestazioni della scompostezza umana vestita a festa.
 

ipazia

Utente disorientante (ma anche disorientata)
in teoria la caccia al mammut è molto precedente al natale e a tutti i buoni propositi del cristianesimo
eh già.
E il natale e i buoni propositi del cristianesimo sono discendenti dalla vita dei sapiens sul pianeta.

Probabilmente allora festeggiavano Natale (chissà come si chiamava) ogni volta che uccidevano un mammut. Sai che festa aver così tanto cibo a disposizione? :D
 

spleen

utente ?
eh già.
E il natale e i buoni propositi del cristianesimo sono discendenti dalla vita dei sapiens sul pianeta.

Probabilmente allora festeggiavano Natale (chissà come si chiamava) ogni volta che uccidevano un mammut. Sai che festa aver così tanto cibo a disposizione? :D
Su su, cerchiamo di essere indulgenti. Se al sapiens(?) gli togli anche i riti collettivi non resta quasi niente. Ed è meglio che pensino che si può essere anche più buoni, che per qualche giorno magari pure ci riescono...
Ti immagini un mondo senza natale, senza pasqua e senza ramadan? Senza i mondiali, il tifo e le fiction sui reali d'Inghilterra?
Sarebbe un casino immane. 😁
 

ipazia

Utente disorientante (ma anche disorientata)
Su su, cerchiamo di essere indulgenti. Se al sapiens(?) gli togli anche i riti collettivi non resta quasi niente. Ed è meglio che pensino che si può essere anche più buoni, che per qualche giorno magari pure ci riescono...
Ti immagini un mondo senza natale, senza pasqua e senza ramadan? Senza i mondiali, il tifo e le fiction sui reali d'Inghilterra?
Sarebbe un casino immane. 😁
Ma guarda che sono molto indulgente!

come dicevo a perpli, se non ci fossero quelli come me, che discutono il rito collettivo, della bontà in questo caso, come ci si potrebbe sentire "più buoni"? :D

E' win win!

Io mi sento più buona perchè la presenza dell'esclusione e soprattutto dell'autoesclusione rende più forti i legami intorno al rito e chi è legato al rito si sente più buono perchè tollera e a volte addirittura accoglie chi non capisce ;)

Poi...comincio ad esser vecchia e l'eccesso di simbolizzazione (tipo il natale, la pasqua, il ramadam, i mondiali e le fiction) non mi piace più così tanto!
Lascerei i riti togliendo le etichette.
O almeno rinnovandole...sono secoli che sono sempre quelle.

tu non senti il bisogno di nuove simbolizzazioni?
 
Ultima modifica:
Top