Zero

Pincopallino

Utente di lunga data
Conoscenze comuni che ci lavorano lo descrivono come un grande str... nel senso di "cattivo".
A me però fa morire dal ridere 😂
Prova a lavorare con me…dopo capisci chi è davvero lo stronzo!
Pero‘ anch’io faccio ridere!
 

Foglia

utente viva e vegeta
È la speciale dell'artista indossare le maschere.
Spiazza quando un artista che ammiri per i contenuti, nella realtà si dimostra privo di quelli professa.
Sì, è abbastanza spiazzante, ma di certo non è l'unico ;)
Il contesto (se non vado errata) era quello del suo rientro dopo un concerto. Avrà trovato casino perché nello stesso (super) albergo c'era la Meloni 😂. Ora, io capisco che poteva essere stanco e averci pure i coglioni girati.... ma quei quattro giornalisti che erano lì fuori, cazzo c'entravano? Idem sul discorso di essere tutto il contrario della persona empatica di quando mette "la maschera": e lo capisco eh, che far così si eviti (anche) un bel po' di rotture di coglioni. Ma.... ripeto :) Se quel che porta è frutto di un suo percorso, intimo, spirituale, o come lo vogliamo chiamare, altrettanto dovrebbe essere (per lo meno) il dare a un imprevisto (avrà atteso o fatto giri strani per entrare in albergo?) la sua giusta collocazione. Avrei senz'altro capito se avesse detto "non ho voglia, sono stanco ", ma questa uscita, proprio no :) Soprattutto (SOPRATTUTTO) da parte di uno che, per sensibilità ed altro, dovrebbe saper dare appunto agli inconvenienti della vita la giusta collocazione che hanno, per l'appunto, nella sua (ampia) prospettiva della vita. Che, in fin dei conti, e senza nemmeno scomodare i massimi sistemi, si trovava nel grand hotel più "in" dei Parioli, e il pensiero ben avrebbe potuto andargli all'immergersi nella spa, e direi che nella vita ci possano essere sfighe peggiori ;)
Poi non so: ben avrebbe potuto irrompere dalla Meloni piuttosto che al comizio: più difficile (e rischioso) di insultare chi non c'entra un cazzo.
 

Nono

Utente di lunga data
Sì, è abbastanza spiazzante, ma di certo non è l'unico ;)
Il contesto (se non vado errata) era quello del suo rientro dopo un concerto. Avrà trovato casino perché nello stesso (super) albergo c'era la Meloni 😂. Ora, io capisco che poteva essere stanco e averci pure i coglioni girati.... ma quei quattro giornalisti che erano lì fuori, cazzo c'entravano? Idem sul discorso di essere tutto il contrario della persona empatica di quando mette "la maschera": e lo capisco eh, che far così si eviti (anche) un bel po' di rotture di coglioni. Ma.... ripeto :) Se quel che porta è frutto di un suo percorso, intimo, spirituale, o come lo vogliamo chiamare, altrettanto dovrebbe essere (per lo meno) il dare a un imprevisto (avrà atteso o fatto giri strani per entrare in albergo?) la sua giusta collocazione. Avrei senz'altro capito se avesse detto "non ho voglia, sono stanco ", ma questa uscita, proprio no :) Soprattutto (SOPRATTUTTO) da parte di uno che, per sensibilità ed altro, dovrebbe saper dare appunto agli inconvenienti della vita la giusta collocazione che hanno, per l'appunto, nella sua (ampia) prospettiva della vita. Che, in fin dei conti, e senza nemmeno scomodare i massimi sistemi, si trovava nel grand hotel più "in" dei Parioli, e il pensiero ben avrebbe potuto andargli all'immergersi nella spa, e direi che nella vita ci possano essere sfighe peggiori ;)
Poi non so: ben avrebbe potuto irrompere dalla Meloni piuttosto che al comizio: più difficile (e rischioso) di insultare chi non c'entra un cazzo.
La mia è una lettura molto più semplice
La vera natura delle persone viene fuori sotto stress.
E si è dimostrato un gran cafone ....
 

Gennaro73

Utente di lunga data
Artisti come la Pausini che evitano come la peste di invischiarsi in queste cose, ti fan capire che non hanno fatto carriera grazie alla politica.

Poi ci sono quelli che si schierano, perdendo si molti fan, ma che devono farlo perchè sono in debito, e/o hanno legami molto forti e fruttuosi con qualcuno nella politica.
 

Foglia

utente viva e vegeta
Artisti come la Pausini che evitano come la peste di invischiarsi in queste cose, ti fan capire che non hanno fatto carriera grazie alla politica.

Poi ci sono quelli che si schierano, perdendo si molti fan, ma che devono farlo perchè sono in debito, e/o hanno legami molto forti e fruttuosi con qualcuno nella politica.
Mi hai chiamato in mente lui :)


Piccola curiosità su questa canzone (peraltro colonna sonora del film della Fabbrica del cioccolato): lui credeva che letteralmente avrebbe mandato la sua carriera letteralmente "al cesso ", invece fu il suo brano più famoso.
Ebbene comunque, abbastanza saputo (è non stiamo parlando di secoli fa, ma di qualche decennio) che lottò contro l'apartheid in America, che non poteva spesso fermarsi a dormire negli alberghi in cui si esibiva (poiché riservati ai bianchi), che appoggiò Nixon 😓, e che questo gli causò parecchi problemi tra la comunità dei neri, che fu bandito persino da Kennedy ad alcuni eventi per avere sposato una donna bianca. E se aggiungiamo il fatto che si convertì all'ebraismo, c'è pure ogni collegamento con Immi ruah (spirito divino in ebraico) che ho postato ieri.... :)
Nixon ovviamente gli fu "amico" finché se ne poté servire, poi l'amicizia col negro con l'occhio di vetro, guarda un po', andò a farsi benedire.... :)
 

Gennaro73

Utente di lunga data
Mi hai chiamato in mente lui :)


Piccola curiosità su questa canzone (peraltro colonna sonora del film della Fabbrica del cioccolato): lui credeva che letteralmente avrebbe mandato la sua carriera letteralmente "al cesso ", invece fu il suo brano più famoso.
Ebbene comunque, abbastanza saputo (è non stiamo parlando di secoli fa, ma di qualche decennio) che lottò contro l'apartheid in America, che non poteva spesso fermarsi a dormire negli alberghi in cui si esibiva (poiché riservati ai bianchi), che appoggiò Nixon 😓, e che questo gli causò parecchi problemi tra la comunità dei neri, che fu bandito persino da Kennedy ad alcuni eventi per avere sposato una donna bianca. E se aggiungiamo il fatto che si convertì all'ebraismo, c'è pure ogni collegamento con Immi ruah (spirito divino in ebraico) che ho postato ieri.... :)
Nixon ovviamente gli fu "amico" finché se ne poté servire, poi l'amicizia col negro con l'occhio di vetro, guarda un po', andò a farsi benedire.... :)
A sua volta io penso ai fintissimi cantautori ribelli che abbiamo noi (vita spericolata un par di palle), che sono personaggi costruiti ad arte.

Una delle tante cose che preferisco nell'opera lirica é che tu sai che é teatro, mentre con la leggera hanno creato il caos, illudendo i fan di avere a che fare sempre con personaggi veri, mentre il più delle volte sono costruiti a tavolino per vendere di più, e illuderti con un finto esempio di vita.
 

Foglia

utente viva e vegeta
A sua volta io penso ai fintissimi cantautori ribelli che abbiamo noi (vita spericolata un par di palle), che sono personaggi costruiti ad arte.

Una delle tante cose che preferisco nell'opera lirica é che tu sai che é teatro, mentre con la leggera hanno creato il caos, illudendo i fan di avere a che fare sempre con personaggi veri, mentre il più delle volte sono costruiti a tavolino per vendere di più, e illuderti con un finto esempio di vita.
Titi fuori un problema che ha più di una faccia, comunque ;)
L'imperativo (ai giorni nostri, ma non solo, comunque) è quello di VENDERE (talvolta, più che il frutto del proprio lavoro, sé stessi, o meglio la propria immagine). A questo punto, per quanto riguarda la lirica (è un esempio, ma potrei fartene benissimo altri che funzionano su di me), ammetto che - se mi dici "Foglia, ascolta quest'opera/operetta, quel che vuoi, dura circa un paio d'ore :)" (ad andar di lusso) io non ci riesco :) Semplicemente non ce la faccio 🤷‍♀️, limite mio. E come me (credo) tanti altri: che per andare minimamente pronto a seguire un'opera lirica devi conoscere contesto, storia, trama, ecc. ecc. E.... avere l'orecchio pronto ad ascoltare quelle 2-3 ore :) Ecco: io sono peggio dei bambini.
Però ho capito il tuo discorso.
Idem per il teatro: costui ha fatto una pièce che secondo me è una genialata, l'ho letta, ma.... secondo te trovo il tempo per andare ad assisterci? Ammesso che la organizzino con una frequenza e una location che mi consenta di farlo :)
IONESCO Eugene__Le sedie__null__U(2)-D(1)__Farsa__1a.pdf (corrierespettacolo.it)

A quanti arrivano la lirica o il teatro? Ecco, la musica cd. "leggera" ha il pregio che, essendo più immediata, e oramai persino liquida, arriva ai più, a quelli che ne sanno comunque gran poco, come me :)

E qui bisogna vedere se vende più il prodotto, o chi lo produce ;)
Senza nulla togliere, comunque, al fatto che certe risposte di Zero (da autentico cafone) restano risposte da cafone. Spiazzanti proprio perché non penso che abbia bisogno di mettersi una maschera, o le paillettes, per poter essere sensibile. E capire - data la sua sensibilità - che un ritardo all'ingresso nel suo albergo è da chiamarsi STRONZATA, ed ancor più stronzata se si considera la sua, di prospettiva di vita. E.... anche quel pubblico che non smette mai di ringraziare ;) In compenso se la piglia con 4 giornalisti sfigati, che lo salutano, e sperano di ricevere qualche commento (che ci sta benissimo che non avesse voglia di fare, eh, ma con altri modi).

Per il resto (e passo a un'altra forma d'arte) siamo ancora in un tempo in cui se viene ripresentata l'opera di costui (fatto avvenuto recentemente: l'artista ha detto :), anche se non lo trovo tra i più originali), non è più il peso ideale del suo compagno morto poco prima di lui di AIDS (l'opera è un mucchio di caramelle del peso ideale del suo compagno che stava combattendo contro la malattia: lo spettatore poteva prenderle, mangiarle, spostarle, farne insomma quel che ne voleva ;) )
I poetici ready-made di Félix González-Torres - Arte Svelata

nella recente mostra persino quest'opera è diventata un mucchio di caramelle che rappresenta il peso ideale dell'uomo medio. Han cancellato tutta la storia. dell'opera, dell'artista, e perfino del compagno. perché? Perché poi VENDE DI PIU'. Faceva troppo brutto dire che fosse morto di AIDS. Questa è l'altra faccia della medaglia della società:


Fa più bello vendere delle caramelle luccicose piuttosto che la morte ;)

Poi però se un altro Artista, con fare tra il beffardo, il dissacrante e il nichilista, che ha ben compreso come gira il mercato, ci mostra la carcassa in formaldeide di uno squalo, dicendoci "è tutto ciò che resta dopo la morte" allora qualcuno si indigna, ma i più scelgono di vedere caramelle luccicanti ;) In barba alla storia, e in barba al messaggio dell'Artista :)
Va così :)
Non è che possiamo poi pretendere di avere cantanti non costruiti, eh :)
 

Gennaro73

Utente di lunga data
Titi fuori un problema che ha più di una faccia, comunque ;)
L'imperativo (ai giorni nostri, ma non solo, comunque) è quello di VENDERE (talvolta, più che il frutto del proprio lavoro, sé stessi, o meglio la propria immagine). A questo punto, per quanto riguarda la lirica (è un esempio, ma potrei fartene benissimo altri che funzionano su di me), ammetto che - se mi dici "Foglia, ascolta quest'opera/operetta, quel che vuoi, dura circa un paio d'ore :)" (ad andar di lusso) io non ci riesco :) Semplicemente non ce la faccio 🤷‍♀️, limite mio. E come me (credo) tanti altri: che per andare minimamente pronto a seguire un'opera lirica devi conoscere contesto, storia, trama, ecc. ecc. E.... avere l'orecchio pronto ad ascoltare quelle 2-3 ore :) Ecco: io sono peggio dei bambini.
Però ho capito il tuo discorso.
Idem per il teatro: costui ha fatto una pièce che secondo me è una genialata, l'ho letta, ma.... secondo te trovo il tempo per andare ad assisterci? Ammesso che la organizzino con una frequenza e una location che mi consenta di farlo :)
IONESCO Eugene__Le sedie__null__U(2)-D(1)__Farsa__1a.pdf (corrierespettacolo.it)

A quanti arrivano la lirica o il teatro? Ecco, la musica cd. "leggera" ha il pregio che, essendo più immediata, e oramai persino liquida, arriva ai più, a quelli che ne sanno comunque gran poco, come me :)

E qui bisogna vedere se vende più il prodotto, o chi lo produce ;)
Senza nulla togliere, comunque, al fatto che certe risposte di Zero (da autentico cafone) restano risposte da cafone. Spiazzanti proprio perché non penso che abbia bisogno di mettersi una maschera, o le paillettes, per poter essere sensibile. E capire - data la sua sensibilità - che un ritardo all'ingresso nel suo albergo è da chiamarsi STRONZATA, ed ancor più stronzata se si considera la sua, di prospettiva di vita. E.... anche quel pubblico che non smette mai di ringraziare ;) In compenso se la piglia con 4 giornalisti sfigati, che lo salutano, e sperano di ricevere qualche commento (che ci sta benissimo che non avesse voglia di fare, eh, ma con altri modi).

Per il resto (e passo a un'altra forma d'arte) siamo ancora in un tempo in cui se viene ripresentata l'opera di costui (fatto avvenuto recentemente: l'artista ha detto :), anche se non lo trovo tra i più originali), non è più il peso ideale del suo compagno morto poco prima di lui di AIDS (l'opera è un mucchio di caramelle del peso ideale del suo compagno che stava combattendo contro la malattia: lo spettatore poteva prenderle, mangiarle, spostarle, farne insomma quel che ne voleva ;) )
I poetici ready-made di Félix González-Torres - Arte Svelata

nella recente mostra persino quest'opera è diventata un mucchio di caramelle che rappresenta il peso ideale dell'uomo medio. Han cancellato tutta la storia. dell'opera, dell'artista, e perfino del compagno. perché? Perché poi VENDE DI PIU'. Faceva troppo brutto dire che fosse morto di AIDS. Questa è l'altra faccia della medaglia della società:


Fa più bello vendere delle caramelle luccicose piuttosto che la morte ;)

Poi però se un altro Artista, con fare tra il beffardo, il dissacrante e il nichilista, che ha ben compreso come gira il mercato, ci mostra la carcassa in formaldeide di uno squalo, dicendoci "è tutto ciò che resta dopo la morte" allora qualcuno si indigna, ma i più scelgono di vedere caramelle luccicanti ;) In barba alla storia, e in barba al messaggio dell'Artista :)
Va così :)
Non è che possiamo poi pretendere di avere cantanti non costruiti, eh :)
Il danno maggiore è che certi personaggi sono stati dei finti cocainomani, che hanno spinto generazioni a drogarsi, ad essere sregolati nella vita, mentre loro erano (e sono) metodici e salutisti per loro.

Vita spericolata col culo degli altri.


Sull'opera sai che è? Se la vuoi vedere tutta e non sentire arie o duetti (comunque pezzi chiusi), l'unica è andare a teatro. Io non ce la faccio a guardarla tutta in tv, non è la stessa cosa, manca l'energia dal vivo, che solo quel genere di musica ha (cioé senza microfoni, amplificatori ed effetti, che comumque creano una barriera tra te ed il pubblico).


Poi la chiamano opera ma parliamo di 500 anni di musica e teatro, completamente differenti tra loro.

C'é anche il problema come con la leggera che non emergono necessariamente più bravi, ma i più agganciati/schierati politicamente/disponibili ad essere sfruttabili dalle agenzie/ricchi/almeno di livello decente (a volte sono cosí agganciati da riuscire ad emergere essendo persino mediocri).

Sono queste le aratteristiche, e la bravura é solo l'ultima in ordine di importanza. Devi essere proprio scarso per non riuscire ad importi al pubblico, se sei iper agganciato/ricco.
 

Foglia

utente viva e vegeta
Il danno maggiore è che certi personaggi sono stati dei finti cocainomani, che hanno spinto generazioni a drogarsi, ad essere sregolati nella vita, mentre loro erano (e sono) metodici e salutisti per loro.

Vita spericolata col culo degli altri.


Sull'opera sai che è? Se la vuoi vedere tutta e non sentire arie o duetti (comunque pezzi chiusi), l'unica è andare a teatro. Io non ce la faccio a guardarla tutta in tv, non è la stessa cosa, manca l'energia dal vivo, che solo quel genere di musica ha (cioé senza microfoni, amplificatori ed effetti, che comumque creano una barriera tra te ed il pubblico).


Poi la chiamano opera ma parliamo di 500 anni di musica e teatro, completamente differenti tra loro.

C'é anche il problema come con la leggera che non emergono necessariamente più bravi, ma i più agganciati/schierati politicamente/disponibili ad essere sfruttabili dalle agenzie/ricchi/almeno di livello decente (a volte sono cosí agganciati da riuscire ad emergere essendo persino mediocri).

Sono queste le aratteristiche, e la bravura é solo l'ultima in ordine di importanza. Devi essere proprio scarso per non riuscire ad importi al pubblico, se sei iper agganciato/ricco.
In gran parte, hai ragione ;)
Anche perché, la droga non ha certo aiutato il talento degli Artisti veri. Per molti è o è stata solo un anestetico alla loro sensibilità, non certo quello slancio alla creatività per il quale, soprattutto negli anni che dici tu, è stata spacciata ;)
 

Gennaro73

Utente di lunga data
In gran parte, hai ragione ;)
Anche perché, la droga non ha certo aiutato il talento degli Artisti veri. Per molti è o è stata solo un anestetico alla loro sensibilità, non certo quello slancio alla creatività per il quale, soprattutto negli anni che dici tu, è stata spacciata ;)
Direi anche su tutto :)
 

Foglia

utente viva e vegeta

Gennaro73

Utente di lunga data
Mah.... sul Vasco non so, non credo che la storia della droga sia stata messa lì ad hoc per far credere al cantante un pò "maledetto" ;). Come non vale per altri che, in effetti, ci hanno anche rimesso la pelle. ;)

Sciamano e istrione. Jim Morrison parola per parola - ilGiornale.it

In certi ambienti ne circolava (e ne circola tuttora) parecchia, c'è da dire anche quello :)

Kurt Cobain, Jim Morrison, Elvis Presley ed altri si. Vasco Rossi proprio no. É una delle imitazioni nostrane di quei personaggi.

Si sarà drogato di tortellini al massimo.

Hai visto ora da anziano come si preoccupa della salute, fa mille checkup. Che ribelle...
 

Foglia

utente viva e vegeta
Kurt Cobain, Jim Morrison, Elvis Presley ed altri si. Vasco Rossi proprio no. É una delle imitazioni nostrane di quei personaggi.

Si sarà drogato di tortellini al massimo.

Hai visto ora da anziano come si preoccupa della salute, fa mille checkup. Che ribelle...
Sì è comunque anche fatto qualche giorno in carcere per detenzione di coca (se non vado errata). Poi, buon per lui se ne è uscito ;).
Probabilmente l'equivoco su cui si cade è quello di credere che "faccia figo", faccia "vita vissuta pienamente ", ecc. Su questo discorso, forse tutti i torti non li hai. Purtroppo l'esempio è arrivato sbagliato a talune generazioni (e inutile negare come, specialmente gli adolescenti negli anni 80 e 90, avevano certi cantanti come "idoli").

Magari però @bravagiulia75 , che lo adora :), riesce ad essere più puntuale non solo su di lui come cantante, ma anche su di lui come uomo ;)
 

Gennaro73

Utente di lunga data
Sì è comunque anche fatto qualche giorno in carcere per detenzione di coca (se non vado errata). Poi, buon per lui se ne è uscito ;).
Probabilmente l'equivoco su cui si cade è quello di credere che "faccia figo", faccia "vita vissuta pienamente ", ecc. Su questo discorso, forse tutti i torti non li hai. Purtroppo l'esempio è arrivato sbagliato a talune generazioni (e inutile negare come, specialmente gli adolescenti negli anni 80 e 90, avevano certi cantanti come "idoli").

Magari però @bravagiulia75 , che lo adora :), riesce ad essere più puntuale non solo su di lui come cantante, ma anche su di lui come uomo ;)
Ma che vuoi che ne sappia bravagiulia75


Ho guardato ora un attimo: dicono fosse sempre lucidissimo, e lui avrebbe dichiarato di aver voluto provare queste sostanze (tranne l'eroina), ma che sia stato sempre un "non dipendente" (...sarà...)

Lo hanno trovato in stato di ebrezza, e quello ci sta per un normale borghese come lui.

La verità é che é un tipo metodico, che si tiene in forma, e pure molto prudente. Già Adriano Celentano é molto più "ribelle" e cazzuto di lui nella vita reale.

Ps: le accuse erano di spaccio, poi non so come sia andata...e nemmeno mi interessa. Se vuole celodice bravagiulia75...
 
Ultima modifica:

Foglia

utente viva e vegeta
Ma che vuoi che ne sappia bravagiulia75


Ho guardato ora un attimo: dicono fosse sempre lucidissimo, e lui avrebbe dichiarato di aver voluto provare queste sostanze (tranne l'eroina), ma che sia stato sempre un "non dipendente" (...sarà...)

Lo hanno trovato in stato di ebrezza, e quello ci sta per un normale borghese come lui.

La verità é che é un tipo metodico, che si tiene in forma, e pure molto prudente. Già Adriano Celentano é molto più "ribelle" e cazzuto di lui nella vita reale.

Ps: le accuse erano di spaccio, poi non so come sia andata...e nemmeno mi interessa. Se vuole celodice bravagiulia75...
Credo invece proprio che su Vasco ne sappia, certamente più di me e di te insieme ;)
 

omicron

Utente pigro
Che io ricordi, Vasco lo aveva denunciato sua madre
 
Top