Buon genitore

Brunetta

Utente di lunga data
vero anche questo....ne ho avuto un esempio davanti agli occhi ultimamente...famiglia rispettabilissima, 2 bravissime persone i genitori, un figlio ha fatto un macello....non ci dobbiamo scordare che i figli sono comunque persone che nascono già con una certo carattere e una propria personalità....spesso possiamo dare il meglio di noi come genitori e questo può non bastare a tenere sulla buona strada un figlio.
Non mi è chiaro come due bravissime persone non possano instaurare un rapporto tossico con i figli o negare/rimuovere dai pensieri le loro difficoltà o non vedere i bisogni di persone diverse.
 

*Rossana*

Utente di lunga data
Sono anticipazioni auto-giustificanti.
Ma sono cose negative da pensare e dannose se percepite dai figli come mancanza di fiducia nelle loro risorse.
Possono essere positive se si trasmette che anche loro dovranno fare la loro parte per soddisfare se stessi e non i genitori.
Purtroppo interpellati individualmente tutti i genitori dicono di aver fatto il loro meglio, ma non tutti erano consapevoli di cosa trasmettevano e hanno trasmesso con i fatti e le parole.
Continuo a non condividere, anche nel senso contrario. Ci sono, per fortuna, tantissime ottime persone che tali sono, non per merito dei genitori.
Non è auto-giustificazione pilatesca
 

Pincopallino

Utente di lunga data
Sono anticipazioni auto-giustificanti.
Ma sono cose negative da pensare e dannose se percepite dai figli come mancanza di fiducia nelle loro risorse.
Possono essere positive se si trasmette che anche loro dovranno fare la loro parte per soddisfare se stessi e non i genitori.
Purtroppo interpellati individualmente tutti i genitori dicono di aver fatto il loro meglio, ma non tutti erano consapevoli di cosa trasmettevano e hanno trasmesso con i fatti e le parole.
Alberto Pellai in un suo intervento mi disse che non va fatto del nostro meglio, bensì quello che va fatto, che potrebbe anche non essere sentito come il nostro meglio. Tuttavia, seppur consapevole che il mestiere del genitore lo si impari sul campo, oggi abbiamo la fortuna di avere a nostra disposizione gente che ha studiato i comportamenti umani e che ne sa più di noi. Sfruttiamoli ed ascoltiamo, che tutto aiuta.
 

Brunetta

Utente di lunga data
Continuo a non condividere, anche nel senso contrario. Ci sono, per fortuna, tantissime ottime persone che tali sono, non per merito dei genitori.
Non è auto-giustificazione pilatesca
Ti è sfuggito “sono cose positive se si trasmette che anche loro dovranno fare la loro parte per soddisfare se stessi e non i genitori.”
Il fatto che riescano a farcela anche persone che hanno avuto genitori pessimi e persino abusanti, non significa deresponsabilizzazione per tutti i genitori.
 

*Rossana*

Utente di lunga data
Ti è sfuggito “sono cose positive se si trasmette che anche loro dovranno fare la loro parte per soddisfare se stessi e non i genitori.”
Il fatto che riescano a farcela anche persone che hanno avuto genitori pessimi e persino abusanti, non significa deresponsabilizzazione per tutti i genitori.
Non mi sto affatto deresponsabilizzando.
Non credo nell’equazione, sia in positivo che in negativo, al netto del contributo personale di ciascun individuo nella costruzione della sua identità.
 

omicron

Irritante puntigliosa spaccacoglioni e pigra
però @Brunetta persone cresciute nella stessa casa, nello stesso modo, hanno comportamenti molto diversi, non sempre è tutta colpa dei genitori se un figlio poi devia
 

CIRCE74

Utente di lunga data
Non mi è chiaro come due bravissime persone non possano instaurare un rapporto tossico con i figli o negare/rimuovere dai pensieri le loro difficoltà o non vedere i bisogni di persone diverse.
Scusa ma non ho capito cosa vuoi dire
 

Brunetta

Utente di lunga data
Alberto Pellai in un suo intervento mi disse che non va fatto del nostro meglio, bensì quello che va fatto, che potrebbe anche non essere sentito come il nostro meglio. Tuttavia, seppur consapevole che il mestiere del genitore lo si impari sul campo, oggi abbiamo la fortuna di avere a nostra disposizione gente che ha studiato i comportamenti umani e che ne sa più di noi. Sfruttiamoli ed ascoltiamo, che tutto aiuta.
Il pericolo più grande con i figli è che sono nostri, li abbiamo fatti noi e geneticamente ci assomigliano e assomigliano anche all’altro genitore e ai nonni.
Mia figlia ha gli occhi di mio padre (e del bisnonno paterno) ed è stupendo vederli e vedere anche le stesse espressioni. Ma se mio padre fosse stato un cattivo genitore quella somiglianza straordinaria potrebbe essere inquietante.
Ma soprattutto è evidente che ognuno di noi ha difetti o rimpianti ed è spontaneo non volere che i figli riproducano gli stessi errori, ma ognuno di noi è anche orgoglioso dì qualcosa ed è altrettanto spontaneo desiderare che in questo i figli seguano le nostre orme. Riuscire a evitare sia una cosa, sia l’altra è molto difficile.
È evidente per quanto riguarda gli studi. Ogni genitore vorrebbe che i figli studiassero almeno come lui, meglio di più. Ed è anche evidente che ognuno desidera trasmettere passioni che ritiene belle o che arricchiscano. Può trattarsi del calcio, l’amore per la natura o la musica classica.
I figli ha bisogno di differenziarsi dai genitori o di sentirsi degni dei loro successi. E questo è ciò che crea i maggiori conflitti in adolescenza. Ma generalmente ci si scontra su cose che non sono quelle davvero in gioco.
Rispettare il fatto che sono persone diverse è molto difficile. E non può essere solo salvaguardandosi dicendo che si può anche generare un criminale. Se non ci sono problemi psichiatrici, il figlio criminale è portatore dei nostri geni ed è cresciuto in casa nostra!
 

Brunetta

Utente di lunga data
però @Brunetta persone cresciute nella stessa casa, nello stesso modo, hanno comportamenti molto diversi, non sempre è tutta colpa dei genitori se un figlio poi devia
Colpa? Un genitore non consapevole dal punto di vista relazionale ha colpa? Si impegna per creare problemi al figlio?
Perché bisogna sempre metterla su piano del giudizio?
 

Brunetta

Utente di lunga data
Scusa ma non ho capito cosa vuoi dire
Se una persona cresce con problemi di identità o relazionali che sfociano in comportamenti indesiderati, dove è con chi è cresciuto?
 

omicron

Irritante puntigliosa spaccacoglioni e pigra
Colpa? Un genitore non consapevole dal punto di vista relazionale ha colpa? Si impegna per creare problemi al figlio?
Perché bisogna sempre metterla su piano del giudizio?
Ma scusa, tu hai scritto
Rispettare il fatto che sono persone diverse è molto difficile. E non può essere solo salvaguardandosi dicendo che si può anche generare un criminale. Se non ci sono problemi psichiatrici, il figlio criminale è portatore dei nostri geni ed è cresciuto in casa nostra!
è una responsabilità diretta, l'hai scritto tu
però per esempio, mia nonna ha avuto 9 figli, 9 persone diverse, con personalità diverse e caratteri diversi, avevano delle similitudini certo, ma non così spiccate, non a caso hanno fatto scelte diverse, lo stesso mia mamma, di 4 fratelli, 3 erano simili e 1 assolutamente diversa, così come io e mia sorella o mia cugina e le sorelle
 

*Rossana*

Utente di lunga data
Il pericolo più grande con i figli è che sono nostri, li abbiamo fatti noi e geneticamente ci assomigliano e assomigliano anche all’altro genitore e ai nonni.
Mia figlia ha gli occhi di mio padre (e del bisnonno paterno) ed è stupendo vederli e vedere anche le stesse espressioni. Ma se mio padre fosse stato un cattivo genitore quella somiglianza straordinaria potrebbe essere inquietante.
Ma soprattutto è evidente che ognuno di noi ha difetti o rimpianti ed è spontaneo non volere che i figli riproducano gli stessi errori, ma ognuno di noi è anche orgoglioso dì qualcosa ed è altrettanto spontaneo desiderare che in questo i figli seguano le nostre orme. Riuscire a evitare sia una cosa, sia l’altra è molto difficile.
È evidente per quanto riguarda gli studi. Ogni genitore vorrebbe che i figli studiassero almeno come lui, meglio di più. Ed è anche evidente che ognuno desidera trasmettere passioni che ritiene belle o che arricchiscano. Può trattarsi del calcio, l’amore per la natura o la musica classica.
I figli ha bisogno di differenziarsi dai genitori o di sentirsi degni dei loro successi. E questo è ciò che crea i maggiori conflitti in adolescenza. Ma generalmente ci si scontra su cose che non sono quelle davvero in gioco.
Rispettare il fatto che sono persone diverse è molto difficile. E non può essere solo salvaguardandosi dicendo che si può anche generare un criminale. Se non ci sono problemi psichiatrici, il figlio criminale è portatore dei nostri geni ed è cresciuto in casa nostra!
É molto superficiale come discorso. Un calderone nel quale stai mescolando di tutto, senza criterio: dalla predisposizione al crimine alla passione per la musica classica.
 

Brunetta

Utente di lunga data
Ma scusa, tu hai scritto

è una responsabilità diretta, l'hai scritto tu
però per esempio, mia nonna ha avuto 9 figli, 9 persone diverse, con personalità diverse e caratteri diversi, avevano delle similitudini certo, ma non così spiccate, non a caso hanno fatto scelte diverse, lo stesso mia mamma, di 4 fratelli, 3 erano simili e 1 assolutamente diversa, così come io e mia sorella o mia cugina e le sorelle
Io ho scritto che i figli sono persone e come tali sono al 50% (gli scienziati hanno fatto studi per stabilire le percentuali, ma possiamo andare a spanne) con una personalità che dipende dai geni e al 50% con una modalità di comprendere e affrontare la realtà, interpretarla e rielaborare le esperienze che dipende dalle ...esperienze. I geni si combinano a caso, il rimanente 50% dipende dalle esperienze in famiglia e nell’ambiente che la famiglia ha scelto di far loro frequentare.
Il primo 50% è importantissimo e il compito di ogni genitore è quello di adattare la parte esperenziale alla personalità genetica del figlio.
Certo che 9, ma pure 15 figli saranno diversi, per la loro genetica, ma anche perché avranno avuto genitori diversi per età ed esperienza come genitori e come persone.
 

Brunetta

Utente di lunga data
É molto superficiale come discorso. Un calderone nel quale stai mescolando di tutto, senza criterio: dalla predisposizione al crimine alla passione per la musica classica.
Io?
 

omicron

Irritante puntigliosa spaccacoglioni e pigra
Io ho scritto che i figli sono persone e come tali sono al 50% (gli scienziati hanno fatto studi per stabilire le percentuali, ma possiamo andare a spanne) con una personalità che dipende dai geni e al 50% con una modalità di comprendere e affrontare la realtà, interpretarla e rielaborare le esperienze che dipende dalle ...esperienze. I geni si combinano a caso, il rimanente 50% dipende dalle esperienze in famiglia e nell’ambiente che la famiglia ha scelto di far loro frequentare.
Il primo 50% è importantissimo e il compito di ogni genitore è quello di adattare la parte esperenziale alla personalità genetica del figlio.
Certo che 9, ma pure 15 figli saranno diversi, per la loro genetica, ma anche perché avranno avuto genitori diversi per età ed esperienza come genitori e come persone.
quindi se un figlio è una persona normale e l'altro figlio un serial killer, cos'è successo?
 

Brunetta

Utente di lunga data
quindi se un figlio è una persona normale e l'altro figlio un serial killer, cos'è successo?
Geni? Certamente anche l’incapacità dei genitori di cogliere i segnali del disturbo. E naturalmente anche la difficoltà di trovare supporto nella società.
 

Brunetta

Utente di lunga data
Sì, tu. Probabilmente hai figli esemplari e ritieni di potertene intestare (secondo le tue percentuali), il merito.
Considerati anche molto fortunata, però.
Sono molto fortunata perché la casuale combinazione genetica ne ha fatto innanzitutto persone sane.
Ma credo che tutti conosciamo Bebe Vio. Colpita dalla meningite è finita amputata e deturpata. Certamente ha un patrimonio genetico che le ha dato una base forte, ma i suoi genitori sono stata determinanti per accogliere il suo dolore, ma trasformarlo in riscatto. Inizialmente lei voleva morire.
Sono fortunata che per ora i miei figli continuino a essere sani.
 

Brunetta

Utente di lunga data
quindi se un figlio è una persona normale e l'altro figlio un serial killer, cos'è successo?
sabato mattina ho fatto una passeggiata vicino casa con mia figlia in mezzo ai campi e alla natura, ha visto per la prima volta da vicino girasoli e granturco, stupendo
Pensa come un ”cattivo” genitore avrebbe potuto rendere negativa questa esperienza.
 

omicron

Irritante puntigliosa spaccacoglioni e pigra
Top